Utilizzo di variabili di variabili in PHP, ovvero come battere Torre con un sacrificio posizionale di cavallo!

web design umbriaAlla mossa 23 Eugenio Torre che ha il nero e che sta giocando il torneo di Tilbrug (correva l’anno 1982) mette una torre in c4 attaccando un pedone centrale del bianco ma Timma che era il bianco aveva già preparato di far esplodere il centro avversario con un sacrificio di cavallo, partita segnalata da web design Umbria all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1041509 ; seguendo la partita l’occhio nattento dell’ agonista noterà un particolare inquietante: tutti pezzi neri sono ammassati sull’ ala di donna mentre il bianco ha un pericoloso alfiere delle case nere puntato come un missile sull’ arrocco nero e che grazie all’ invenzione del sacrificio può liberare tutto il suo potenziale. Non bisogna mai dare per scontato nulla, serve sempre una certa tensione perché appena senti di essere al sicuro di fatto arrivano brutte sorprese! Ora traslando a PHP diamo un occhiata all’ utilizzo diu variabili di variabili. PHP consente di utilizzare nomi di variabili dionamici, chiamati “variabili di variabili”. E’ possibile assegnare a una variabile un nome memorizzato in un’ altra variabile. In altre parole una variabile contiene il valore di un’ altra variabile! Fantascienza? No solo una caratteristica potente del linguaggio, chiarisce web design Umbria! Ma bando alle ciance e alla fuffa e andiamo subito al sodo! Esempio del formato da mettere in pratica:

$nomeDellaVariabile = “age”;
$$nomeDellaVariabile = 21;

web design umbriaLa seconda dichiarazione ha due simboli di dollaro $$ davanti al nome di variabile e crea una nuova variabile con il nome uguale al valore in $nomeDellaVariabile. Il risultato delle due dichiarazioni di assegnazione é una variabile dal nome $age contenente il valore 21. Se si utilizza una variabile di variabile in una dichiarazione echo é necessario specificare chiaramente il nome di variabile. E’ possibile utilizzare una delle sintassi indicate di seguito: echo $$nomeDellaVariabile; oppure echo “$($nomeDellaVariabile)”; se avessi scritto qualcosa di seguito come: $nomeDellaVariabile = “age”; $age = 21; echo “$$nomeDellaVariabile”;  avrei mostrato a video un errore in quanto la dichiarazione echo legge $nomeDellaVariabile come nome di variabile e legge il primo $ come carattere di testo. Di conseguenza l’output é $age, non 21. A questo punto web design Umbria suggerisce di fare una bella esercitazione per rendersi conto del potenziale della tecnica presentata. Creare quindi due o più variabili contenenti valori sempre tra i famosi tag <?php ?>: $Texas=”large”;$RhodeIsland=”small”; creare ora una variabile contenente il nome di variabile di una delle variabili create precedentemente: $statename=”Texas”; aggiungere ora una dichiarazione echo per visualizzare la variabile di variabile: echo “statename is $($statename)<br>”;  creare ora una variabile contenente un nome di variabile diverso: $statename= “RhodeIsland”; e di nuovo la stampa: echo “$statename is $($statename)<br>”; infine visualizzare i nostri deliri letterari in un browser! Per concludere, coerenti con le strategie digitali di Umbriaway Consulting, segnaliamo un sacrificio questa volta di pedone giocato da Adorjan contro Hulak all’ interzonale di Toluca nel 1982 dove il bianco non si mette a contare i valori nominali delle vittime a bordo scacchiera pur di avere una posizione armonica, spaziosa, dinamica che garantisca una iniziativa vincente partita da segnalata da seo Umbria all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1016106. Anche se qui il bianco non ha sacrificato niente di pesante come nella partita precedente notiamo come la spinta fatta del nero g5 abbia finito per indebolire l’intera ala di re e l’arrocco e notiamo come il bianco si preoccupi solo di dare aria ai suoi pezzi con la mossa da ariete 20 e5! e molto bella artisticamente la conclusione con una spettacolare Donna in g7 da cineteca da far vedere agli aspiranti allenatori di Coverciano!

Annunci

Siti Internet Valtopina e il gioco energico e pressante di Kasparov in ottica bootstrap componenti NAVBAR e NAV

siti-internet-valtopinaImmagina (puoi!) una scatola dentro la scatola oppure immagina due entità separate, chiede siti internet Valtopina. Tu sai che bootsrap il famoso framework responsive mette a disposizione una infinità di elementi per arricchire le tue pagine, qui parliamo innanzitutto della NAVBAR e dei NAV, i primi sono le barre di navigazione e i secondi sono semplici menù ricchi di potenziali basati sui tag HTML OL e UL che stanno rispettivamente per liste ordinate oppure le più comuni liste disordinate ricorda siti internet Valtopina quello che devi sapere per semplificarti la vita é che il framework ha numerose classi che semplificano il lavoro dei componenti e che si possono fdacilmente ricorare in tutte le loro varianti perché rappresntano una sorta di matrioska dove intorno alla classe avvolgente puoi trovare le classi sintonizzate a corredo e subordinate. Facciamo un esempio pratico altrimenti così non si capisce nulla e non é quello che vuole siti internet Valtopina. Se io ho il componente barra orizzontale scrivero prima il tag semantico NAVBAR per l’identificazione  e poi il nome della classe ripetendo il tipo di componente per cui dopo mi ritroverò lo stesso nome genitore con la caratteristica che voglio materializzare a video tipo NAVBAR – DARK oppure NAVBAR – BRAND o anche NAVBAR -NAV, il primo oggetto dopo il NAVBAR semantico fa una barra scura, il secondo inserisce un link al proprio logo testuale personalizzabile e il terzo va ad inserire la famosa lista che avrà alcune caratteristiche nel tag UL a corredo del tipo, se io voglio vedere questa roba orizzontale e non verticale scriverò NAV-PILLS se io desidero vedere una struttura a tab andrò a scrivere NAV-TABS e naturalmente quando io scriverò NAVBAR-NAV in UL mi ritroverò una scatola dentro la scatola perfettamente settata a livello di CSS nella barra principale con il vantaggio appunto di integrare tutti i componenti che ovviamente sono una miriade, tipo nav-link active oppure nav-item oppure navbar-toggle che ha il vantaggio di farmi vedere il menù su display a bassa risoluzione, insomma senza citare i famosi background color con i colori standard proposti da bootstrap ossia info, warning, success, danger etc quelle robe tipo clas= bg-nomedelcolore insomma, scopriamo che sule tema delle barre e dei menù di navigazione si apre tutto un mondo non solo a livelle di colori e trasparenze e chiariscuri di classe. Comunque siti internet Valtopina suggerisce di non imparare a memoria nulla ma di consultare la documentazione sui componenti allegata dal framework, un pò come negli scacchi quando serve capire il tema per applicarlo in partita, in questo caso parlando della famosa http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1069626, dove un giovane Kasparov schianta un più esperto avversario con una bella mossa di inizio medio gioco e cioé 17..d4!, ci riferiamo al tema dei metodi di attacco che bisogna imparare. Con quel sacrificio di pedone il futuro campione del mondo propone uno sgombero della diagonale a8-h1 e l’apertura della colonna E dove il re nemico soggiace pericolosamente. 19 f3 é un interessante piano di difesa basato sul calcolo della variante 19..Cd4+ 20 Rf2! Ma ricordiamoci che in apertura oltre alla debolezza delle case f2 e f7 ci sono anche le debolezze delle diagonali e8-h5 oppure in via speculare h4-e1 se i re si ostinano a non arroccare infatti arriva la poderosa 19..Af3!! La partita diventa ricca di sottigliezze alla mosa 21 il baicno non può giocare Re2 a causa del matto in una su casa f4, mentre alla mossa 25 il nero ha sviluppato tutti i suoi pezzi giocando Tad8 con posizione del bianco totalmente paralizzata. fa notare siti internet Valtopina. Il bianco non vede la risorsa difensiva costituita da 26 Da4! e si cucca 26..Td3 con torre intoccabile a causa di Te1 e cade g2. Come se non bastasse alla mossa 27 arriva pure ..Cf3! e il bianco rimane senza mosse utili é in una sorta di zugzwang in cui ogni mossa perde materiale o peggio ancora prende matto , alla fine il bianco anche giocando 31 a3 nulla poteva dopo la replica a5! In questa partita abbiamo assistito a un attacco che ha provocato una assoluta distruzione e paralisi con zugzwang totale sulla scacchiera, ma non tutte le azioni offensive hanno questa caratteristica, a volte ci sono da effettuare manovre strategiche eleganti e sottili meno cruente, conclude siti internet Valtopina.

Benvenuto a Voyager. Te piacerebbe eh?! Invece qui parliamo di divulgazione scientifica e di come usare bootstrap insieme a sviluppo interfacce web umbria.

interfacce-web-umbria-1Il titolo sembra un po ermetico, ermedico della mutua? Niente paura se hai problemi con la madrelingua inglese (non con tua madre eh) devi andare sulla barra degli indirizzi e digitare https://hackerstribe.com/guide/IT-bootstrap-3.1.1/getting-started/, che cosa troverai? Forse la traduzione italiana del sito web http://getbootstrap.com/? Poesse dicono a roma. Ma procediamo per gradi. Prima di imparare la programmazione e lo sviluppo di interfacce web in Umbria devi sapere che nel 1977 Browne contro R Byrne nel campionato USA fece una mossa spaziale completando la sua olandese con il bianco con un trattamento stravagante per i tempi antiolandese con una veloce miniatura in 25 mosse. La mossa 22 registra un 22 Cb5 e cavallo in presa dal pedone c6: il pedone a7 é indifendibile e il re nero é bloccato in una rete da matto in c8, l’unico modo per sottrarsi al più classico degli attacchi doppi (é attaccata anche la regina in d6) é mangiare con una bella grigliata l’appetitoso cavallo, si sa oggi la carne equina é entrata in circolo nei consumatori. interfacce-web-umbriaMa la donna bianca in f3 scorre magnificamente sulla terza traversa come una palla da bowling pronta a fare filotto e a quel punto arriva un Dc3 scacco che é preparatoria alla prossima mossa sottilmente posizionale. Sviluppo interfacce web Umbria fa notare che nel momento di giocare Cb5 il re in c8 é anche potenzialmente esposto ad attacchi di scoperta con un alfiere in a6 che però potrebbe venire catturato da un cavallo nero in b8. Insomma tutta la tresca potrebbe riassumersi in un “ti piace vincere facile eh anche se hai la qualità in meno?”. iconeByrne quel giorno probabilmente non era in gran forma e fu piallato come da diagramma e link sempre incluso. Ma non tergiversiamo perché questo sito di bootstrap é così importante? Perché ti farà perdere sette kg in sette giorni, provare per credere. Come recita testualmente il link iniziale, Glyphicons offre ben 200 glifi sottoforma di font provenienti appunto da da Glyphicon che é un sito Internet. Solitamente un set di icone di Glyphicons non è disponibile gratuitamente, fortunatamente il loro creatore le ha rese disponibili appositamente per Bootstrap senza alcun costo da pagare. Come ringraziamento, viene richiesto un link di gratitudine quando possibile. I componenti offerti da Bootstrap sono così tanti che é proprio il caso di vederli uno per uno, sentenzia sviluppo interfacce web Umbria. Ma come si applicano queste grafiche alla pagina poi? Certamente la picture da una idea del facile campo di applicazione, adesso vai in pace il post é finito

Diventa Gm in Umbria con Bootstrap in sette giorni…ma che dico in sette ore!

C’è un fondo di verità nella sparata di cui sopra, nel senso che bootstrap oltre ad essere molto richiesto dai professionisti del settore che vogliono reclutrare te a venti mila euro al mese é veramente facile da usare. Fuffa chiede Umbriaway Consulting? Fatti non ikea! Il modo migliore per ottenere dei risultati in qualsiasi disciplina dal tiro a freccette a come diventare astronauta in venti giorni é quello di applicare la magia del fare di mago Merlino che consiste nello sporcarsi le mani con il codice e vedere l’effetto che fa. Tutto questo preambolo portato dall’ Aranzulla delle terre di mezzo serve solo a vedere come si comporta il codice in circostanze di stress eh eh ossia quando interagisce una architettura client server in locale. Riassunto delle puntate precedenti dopo aver visto il centro dell’ universo di bootstrap con le dodici colonne che si possono gestire in responsività sui 12 dispositivi occorre fare mente locale e dire che il framework é completo e che gestisce tutto anche altri componenti non solo i pixel dello screen come i font , i bottoni, i moduli etc etc. Se seguite assiduamente i contenuti di Umbriaway formazione sapete che la gestione delle colonne é estremamente flessibile, non solo posso visualizzare per i contenuti dodici volte singolarmente ma potrei anche divertirmi a fare il giornalista su 3 colonne con una ripartizione singola 4,4,4 oppure con due colonne uguali con sei – sei oppure avere due colonne di distanza diversa come 4 e otto dipende sempre dalle esigenze. Ora sui font quello che uno sviluppatore contro i razzi deve sapere é che di default all’ interno del body e del paragrafo posso avere un carattere di dimensioni 14 e pace direte voi mentre i classici heading vanno da un max di 35 pixel dell’ H1 ai 12 pixel dell’ H6. Questa informazione vi cambia la vita? Forse no e se in Umbria ti notificasse il fatto che il tag small inserisce del testo secondario accanto alle classiche intestazioni dormiresti più contento la notte? E se ti dicessi che con il tag mark puoi mettere in evidenza del testo? E se ti dicessi con il tag abbr puoi inserire un punto interrogativo che si illumina di immenso e che spiega con contenuti edificanti per lo spirito magari la spiegazione dell’ acronimo? E se ti dicessi che esistono tag come blockquote, dl, code, kbd, pre, e colori contestuali come da gallery avresti forse chance di progettare un satellite per la nasa? Al di là della zona fuffogena che ti sembra di percepire la gestione dei caratteri tipografici é possibile con bootstrap con classi predefinite c’è davvero c’è tanta tanta roba da  vedere, studiare, sperimentare e soprattutto IMPLEMENTARE perché é questo il segreto della magia del fare le cose: FARLE! Andate in pace il post é finito che Carpatù vi protegga

Esperto digitale Umbria alle prese con le mosse da studio: perché Kortchnoi contro Spassky nella settima del match negli anni settanta gioco 30 h3 e vinse la partita?

reputation-brand-umbriaSiete pronti chiede esperto digitale Umbria? Siete caldi? Avete le varianti giuste per affrontare le grandi sfide della globalizzazione BCE attraverso una iperconnessione esasperata che vi lega ai contesti dell’ azienda, della famiglia, della bettola in cui scorre la vostra fragile esistenza? Siete in grado di curare la vostra authority letteraria e di amplificare la vostra REPUTATION BRAND? Dove vai se il santo graal non ce l’hai? Vero o falso fuffa o illuminazioni zen il tuo profilo é avvolto dai vapori delle scie chimiche? Sei avvelenato come un malsano altoforno dalle influenze complottiste del movimento sette litri o dalle discriminazioni razziali sui gatti? Come funzionano i social e come é possibile costruirsi una solida reputazione gestendo situazioni critiche migliorando la visibilità del proprio brand e diventare il miglior fenomeno Mentana del 2017 chiede ancora esperto digitale Umbria? Fai crescere la tua reputazione on line con i posto di Umbriaway Consulting seguici e scoprirai sul nostro network perché i risultati estratti dal motore di ricerca digitando il tuo nome sono abulici e privi di brillantezza. La privacy digitale é importante, così come operare delle rifiniture sulla tua vita virtuale staccata da quella reale. Che obiettivi ti prefiggi scrivendo le tue puttanate (o cose edificanti per lo spirito a seconda dei punti di vista) su FB? E’ solo perché é impossibile non comunicare come recita un famoso editto universitario sulla comunicazione? Insomma senza l’aiuto di un esperto digitale in Umbria ma non solo difficilmente potrai capire se la tua presenza in rete ha senso e perché esisti. Tornando agli scacchi giocati la Kortchnoi – Spassky giocata a cavallo negli anni 77/78 ha una curiosa situazione di gioco: il bianco ha un pericoloso pedone che sfrigola in c7 in attesa di una sognata promozione a un passo dalla settima traversa ma il nero non é stato a guardare e ha portato un pedone in d2 che controbilancia in apparenza gli squilibri. Problema del bianco difendersi dal matto sulla prima traversa dopodiché la minaccia tattica di far cadere il pedone d2 avversario ultradifeso esplode in un tripudio di concretezza, il nero deve abbandonare alla mossa 48. Andate in pace.

Seo off page Gualdo Tadino e l’acquisto dei link

Seo off page Gualdo TadinoSeo off page Gualdo Tadino affronta qui il tema dell’ acquisto dei backlink. Negli anni novanta questo esercizio acquistava un significato speculativo visto che in quell’ epoca andava di moda la performances sul page rank da alimentare appunto con la situazione in oggetto. Poi venne l’epopea d’oro dei webmaster che sapevano individuare quelle aree web dove acquistare ottimi link e la rete é diventata una enorme ragnatela di incongruenze, infatti il motore decise su segnalazione degli spam di tranciare non certo la posizione dei siti che sceglievano queste tecniche ma il loro page rank sulla base di due fattori primari: la non pertinenza degli argomenti nei link in uscita e l’omissione della dicitura rel=nofollow nel link stesso che costringeva appunto i motori a sgranocchiare spam per la rete. Oggi le cose si sono drasticamente ridimensionate e viene premiata pertinenza e qualità e naturalezza del link in uscita anche se il tema rimane molto caldo e coinvolge accesi dibattiti in rete su questo attributo magico che é il REL con i suoi follow o nofollow. Seo off page Gualdo Tadino quindi ribadisce l’idea che la penalizzazione allora fu solo visiva sui page rank barre verdi e non certo con penalizzazioni sul posizionamento organico ma tanto basto per far cessare ogni ogni abuso e oggi quale é lo stato dell’ arte? Comprare dei link mordi e fuggi non ha nessun senso dal momento che il successo si ottine solo con la persistenza applicativa! Cercare anche di inserire link in altri liste di link é una baggianata che non si deve fare, cioé rimbalzare in servizi che rimandano a sottoservizi etc. Le ancore vanno diversificate e devono essere sempre personalizzate per non dare l’idea della meccanica e dell’ automazione, le chiavi devono essere sempre varie il tutto per rendere il più credibile la bontà del materiale inserito. Non giudicare il prezzo del link dal page rank che il sito mostra, sappiamo che questo parametro é fuorviante. Non comprare link da siti che trattano temi diversi dal nostro. Cercare di mettere in piedi collaborazioni di scambio link senza una logica di produzione industriale se il sito a cui ci rivolgiamo valuta di volta in volta eventuale scambi di link senza incorrere in abusi quello é il sito giusto. Se compro un link dal sito di nonna abelarda e dentro ci sono altri link in uscita che trattano cose sconcie é chiaro che non stiamo facendo qualità e che ci andiamo ad associare con il nostro link a un calderone di nefandezze quindi conviene sempre controllare i link trattati dal sito in cui parcheggiamo il nostro link acquistato. Dopo aver verificato che il sito servizio a cui intendiamo rivolgerci é sano nel senso che non fa spam verifichiamo anche se le chiavi di ricerca per cui risponde sono congruenti con i servizi da noi offerti, ricorda Seo off page Gualdo Tadino. L’acquisto di link non deve certo essere la nostre fonte di credo principale per la seo. Seo off page Gualdo Tadino passa ad analizzare adesso la partita Ceskovskj – Browne Manila interzonale 1976. Il bianco che ha un nome da pianista sulla solita siciliana tattica variante Najdorf spara un Cavallo prende e6 che non deve aver scosso più di tanto Browne che forte della sua categoria avrà sicuramente visto il matto in tre in caso di presa del cavallo. Compare quindi un Da5 scacco che sembra evitare tutto ma dopo 15 c3 il nero deve accettare il dono dando luogo alla sinfonia di Ceskovskj il pianista. Partita finita in trenta mosse con Browne deturpato. In uno dei prossimi articoli prenderemo in esame in uno dei tanti portali Umbriaway Formazione la fragilissima questione seo dei forum e blog di settore. Servirà non servirà? Ai poster l’ardua sentenza.

Come aprire un account Google e vivere felici a cura di Umbriaway formazione

efficienza-nocera-umbraUmbriaway formazione dà per scontato che sei già nel posto giusto ossia adwords.google.com e che dopo aver digitato le credenziali di accesso con email (che deve essere univoca) e password sarete catapultati nella pagina di selezione del fuso orario e della valuta, dove occorrerà fare molta attenzione a non sbagliare perché una volta scelte non sarà possibile cambiare. Sarà inoltre necessario completare i dati di fatturazione. Esistono diversi tipi di fatturazione la prepay e la postpay nel primo caso con la pre-pay (la spesa pubblicitaria funziona come una sora di pre-carica sul conto e nel secondo con la post-pay la spesa verrà addebitata solamente dopo 30 gg o al raggiungimento della soglia di fatturazione). Queste opzioni sono possibili a seconda del paese di residenza comunque per le modalità specifiche di pagamento basta cercare nella rete di ricerca lo stesso adwords ha tutto l’interesse nel fornire chiare indicazioni strategiche in tal senso, precisa Umbriaway formazione. A questo punto occorre scegliere come ci verranno addebitati i costi se con carta di credito se con conto bancario inoltre bisogna pure specificare l’opzione indicata per la pubblicità qualora essa privato per scopo privato o business. Certo é che bisogna familiarizzare un pò con l’interfaccia grafica dello strumento in modo da acquisire velocità e padroneggiarlo. Sono visibili varie sezioni, subito dopo la home page ci é la scheda Campagne, evidenzia formazione umbriaway consulting, da dove si potrannjo creare o eliminare appunto le nostre azioni di guerriglia marketing. A seguito troverete la scheda opportunità che serve a massimizzare il ritorno di investimento grazie ai consigli suggerimenti dati dallo strumento mentre le nostre campagne sono attive. efficienza-nocera-umbraNella scheda strumenti e analisi troviamo tutto quello che ci serve per creare le nostre campagne dal pianificatore display allo strumento pianificazione delle parole chiave, oppure altre cose interessanti tipo lo strumento conversioni per monitorare le azioni degli utenti, lo strumento anteprima e diagnosi annunci (che vi permetterà di vedere se il vostro annuncio viene pubblicato senza utilizzare il vero motore di ricerca. In questo modo impedirete al vostro annuncio di collezionare impressioni, abbassando il vostro CTR). Dalla scheda fatturazione é anche possibile scaricare i costi accumulati durante le nostre campagne con report in formato csv. Ed infine troviamo la scheds Account personale dove posso gestire gli utenti connessi sul mio account adswords con quale libertà di movimento (admin, standard o sola lettura). Si può anche decidere il tipo di notifica per ogni persona che ha accesso al nostro account: notifiche sul badget, sull’ andamento degli annunci, newsletter e così via e sempre da questa tab posso cambiare la lingua e il formato dei numeri utilizzato. Solo dalla scheda account personale posso eliminare il mio account personale notifica formazine umbriaway consulting. Ed ora passiamo alle cose serie: nella partita 22 la karpov – dorfman ricevette 77 punti contro i 78 della Geller – Karpov. Perché il bianco sembra camminare su una fune e a ogni passo può precipitare nel vuoto con dei matti in agguato sulla prima traversa che il nero però per un soffio non riesce mai a dare. Diciamo che giocando 28 Df3 con un pezzo in meno Karpov minaccia delle cose turche e si riprenderà poi il pezzo con gli interessi ma perché svelare il finale del film quando la gente deve ritornare a occupare i cinema? Non resta allora che andare a recuperare questa Karpov – Dorfman giocata nel 1976 e godersela!

Strumenti web Umbria e la pianificazione delle campagne Google AdWords e negli scacchi…bum bum!

web-marketing-umbriaStrumenti web Umbria dopo aver mostrato le differenze sostanziali tra le rete di ricerca e la rete display notifica che prima di gettarsi allo sbaraglio in una campagna bisogna raccogliere tutti i dati appunto pre-campagna. Ci sono dei tools in rete che sono fondamentali come il Cunsomer Barometer per esempio. Strumenti web Umbria segnala l’indirizzo www.consumerbarometer.com che offre delle panoramiche utili per inquadrare meglio come gli utenti vengono inquadrati nei loro comportamenti di acquisto e di navigazione, quali informazioni ricercano in funzione anche delle località geografiche. Questro strumento mi consente di selezionare una serie di parmaetri come appunto località geografica o modo di acquisto con o senza carta di credito. Per chi ha un Hotel sapere che il 60 per cento delle prenotazioni arriva per gli hotel italiani durante i fine settimana dalla Germania é una indicazione di dove orientare la mia campagna certamente non andrò a guerreggiare con la mia campagna a San Marino per cercare clienti ma indirizzerò il tutto verso la Germania per l’appunto. Le metriche da sondare sono moltiplici e insieme a Google Trends fornisce info importanti per arrivare a studiare una campagna adwords performante. Con Google Trends posso vedere quali parole chiave sono ricercate in determinate periodo dell’ anno, mostrando i picchi di interesse dell’ utente di Internet. Strumenti web Umbria segnala l’indirizzi : www.google.com/trends dove vengono mostrate le hot searches del giorno. strumenti web umbriaCon il tasto esplora potremmo selezionare le ricerche degli utenti di nostro interesse. Anche qui l’espressione hotel al mare o in montagna potrà avere una indicazione dei picchi, magari scopriamo che i periodi buoni più idoneei per fare un investimento mirato sono luglio agosto oppure altri. Una volta raccolti i dati di Consumer Barometer e di Google Trends sarà più facile pianificare la nostra campagna on line e come visto puntare sulle zone più idonee. Ovviamente poi c’è il famoso strumento pianificazione della parola chiave che tutti conoscono che é interno a google adwords. Inserendo una parola chiave lo strumento estrapola tutte quelle istruzioni più pertinenti su cui fare delle avalutazioni per i nostri investimenti dove possiamo vedere le ricerche mensili, la concorrenza e il costo per clic medio. All’ interno della scheda strumenti e analisi troviamo anche il pianificatore Display che ci permette di coagulare delle idee per creazione di gruppi di annunci e anche per la ricerca di posizionamenti, ovvero quei siti disposti ad affittare la nostra pubblicità. Anche questo strumento funziona tramite l’inserimento di una parola chiave che descrive al meglio il prodotto servizio che intendiamo pubblicizzare. Una volta ottenuti i risultati di idee di gruppi di annunci o di posizionamenti, questo strumento sarà in grado di fornirci dati come l’età media di coloro che visualizzeranno l’annuncio, il sesso, il dispositivo utilizzato (desktop, cellulare, tablet) e le impressioni ovvero il numero di volte che il nostro annuncio apparirà stimate al giorno dato un certo budget. In una delle prossime sessionid i allenamento sui portali umbriaway consulting vedremo come usare questi strumenti per massimizzare il ROI. E ora passiamo ad analizzare la partita Smejkal – Bohm giocata a Wijk aan Zee nel 1976. Siamo in presenza di arrocchi eterogenei il bianco vuole dare matto sull’ ala di donna in una eco E14 e il nero vuole deturpare sul lato opposto. Il bianco sembra arrivato prima gioca quindi un 15 b4 che attacca un cavallo nero in c5 e il nero che ha un nome grottescamente altisonante simile a un BOOM gioca invece un gxf4 mangiando un pedone per aprire una colonna g dove però non ce sta ancora nessuna torre. Strumenti web Umbria può solo di re di come BUM BUM o come si chiama il nero riesce effettivamente a creare problemi costringendo il bianco all’ abbandono alla mossa 32, l’interesse per questa partita scaturisce dal fatto che non sempre la logica é efficace, a volte per portare a casa il punto non basta un ragionamento del tipo mi attacca un cavallo lo sposto e poi magari vado a stare in posizione passiva. Qui Bohm ha giocato nel suo anonimato la sua piccola immortale.

Case History Digitale Colle di Nocera Umbra e la Glicine Consulting!

cultura-digitale-colle-di-nocera-umbraCase History Digitale Colle di Nocera Umbra notifica che la Glicine Consulting produce apparecchiature elettroniche e per il networking tipo router modem switch e similari. Quando il ceo di Glicine ha scoperto il web in lui si sono spalancate infinite finestre perché il marketing classico non basta mai e la rete amplicifica il brand. Non solo ma come accontentare quelle centinaia di clienti che insistentemente ogni giorno chiedono al ceo di mostrare questo o quello e chi comprando non sa poi usare le apparecchiature? Ecco che i video su You Tube costituiscono una risposta durevole che ottimizzano il tempo. Non solo ma per incrementare le vendite oltre ai tutorial il ceo ha pensato di proporre delle campagne dove viene illustrata l’utilità delle reti internet domestiche. L’obiettivo é consolidare un vantaggio competitivo sui concorrenti ed essere riconosciuti immediatamente come leader dai concorrenti e catalizzare l’attenzione della stampa specializzata. Vi è stato un brusco incremento delle visualizzazioni che tradotto sta a significare anche migliorare prospect e profitti sottolinea fuori campo case History Digitale Colle di Nocera Umbra. Lo scopo è quello di canalizzare il traffico verso il sito internet che tratta e-commerce. cultura-digitale-colleLa diffusione virale tra persone e persone serve eccome! Sviluppare una customer loyalty di buon livello significa fare fidelizzazione performante.  La prima cosa che fa un consumatore -sottolinea case History Digitale Colle di Nocera Umbra- è quella di informarsi in rete e che cosa succede quando il materiale che hai pubblicato con contenuti di qualità supera quello della concorrenza? Succede che il cliente legge prima i tuoi articoli e vede prima i tuoi video rispetto ai competitor! E la strategia scacchistica per questo post? Quella é delegata alla Uhlmann – Ljuboievic Amsterdam 1975 A 30 dove il nero a un certo punto mette innocentemente un alfiere in g5 con gravi ripercussioni per il bianco che si ritrova con la regina ingabbiata, insomma un vero disastro ma fortunatamente questa sciagura é stata subita da tutti noi evidenzia case history digitale Colle di Nocera Umbra o no?