Siti Internet Valtopina e il gioco energico e pressante di Kasparov in ottica bootstrap componenti NAVBAR e NAV

siti-internet-valtopinaImmagina (puoi!) una scatola dentro la scatola oppure immagina due entità separate, chiede siti internet Valtopina. Tu sai che bootsrap il famoso framework responsive mette a disposizione una infinità di elementi per arricchire le tue pagine, qui parliamo innanzitutto della NAVBAR e dei NAV, i primi sono le barre di navigazione e i secondi sono semplici menù ricchi di potenziali basati sui tag HTML OL e UL che stanno rispettivamente per liste ordinate oppure le più comuni liste disordinate ricorda siti internet Valtopina quello che devi sapere per semplificarti la vita é che il framework ha numerose classi che semplificano il lavoro dei componenti e che si possono fdacilmente ricorare in tutte le loro varianti perché rappresntano una sorta di matrioska dove intorno alla classe avvolgente puoi trovare le classi sintonizzate a corredo e subordinate. Facciamo un esempio pratico altrimenti così non si capisce nulla e non é quello che vuole siti internet Valtopina. Se io ho il componente barra orizzontale scrivero prima il tag semantico NAVBAR per l’identificazione  e poi il nome della classe ripetendo il tipo di componente per cui dopo mi ritroverò lo stesso nome genitore con la caratteristica che voglio materializzare a video tipo NAVBAR – DARK oppure NAVBAR – BRAND o anche NAVBAR -NAV, il primo oggetto dopo il NAVBAR semantico fa una barra scura, il secondo inserisce un link al proprio logo testuale personalizzabile e il terzo va ad inserire la famosa lista che avrà alcune caratteristiche nel tag UL a corredo del tipo, se io voglio vedere questa roba orizzontale e non verticale scriverò NAV-PILLS se io desidero vedere una struttura a tab andrò a scrivere NAV-TABS e naturalmente quando io scriverò NAVBAR-NAV in UL mi ritroverò una scatola dentro la scatola perfettamente settata a livello di CSS nella barra principale con il vantaggio appunto di integrare tutti i componenti che ovviamente sono una miriade, tipo nav-link active oppure nav-item oppure navbar-toggle che ha il vantaggio di farmi vedere il menù su display a bassa risoluzione, insomma senza citare i famosi background color con i colori standard proposti da bootstrap ossia info, warning, success, danger etc quelle robe tipo clas= bg-nomedelcolore insomma, scopriamo che sule tema delle barre e dei menù di navigazione si apre tutto un mondo non solo a livelle di colori e trasparenze e chiariscuri di classe. Comunque siti internet Valtopina suggerisce di non imparare a memoria nulla ma di consultare la documentazione sui componenti allegata dal framework, un pò come negli scacchi quando serve capire il tema per applicarlo in partita, in questo caso parlando della famosa http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1069626, dove un giovane Kasparov schianta un più esperto avversario con una bella mossa di inizio medio gioco e cioé 17..d4!, ci riferiamo al tema dei metodi di attacco che bisogna imparare. Con quel sacrificio di pedone il futuro campione del mondo propone uno sgombero della diagonale a8-h1 e l’apertura della colonna E dove il re nemico soggiace pericolosamente. 19 f3 é un interessante piano di difesa basato sul calcolo della variante 19..Cd4+ 20 Rf2! Ma ricordiamoci che in apertura oltre alla debolezza delle case f2 e f7 ci sono anche le debolezze delle diagonali e8-h5 oppure in via speculare h4-e1 se i re si ostinano a non arroccare infatti arriva la poderosa 19..Af3!! La partita diventa ricca di sottigliezze alla mosa 21 il baicno non può giocare Re2 a causa del matto in una su casa f4, mentre alla mossa 25 il nero ha sviluppato tutti i suoi pezzi giocando Tad8 con posizione del bianco totalmente paralizzata. fa notare siti internet Valtopina. Il bianco non vede la risorsa difensiva costituita da 26 Da4! e si cucca 26..Td3 con torre intoccabile a causa di Te1 e cade g2. Come se non bastasse alla mossa 27 arriva pure ..Cf3! e il bianco rimane senza mosse utili é in una sorta di zugzwang in cui ogni mossa perde materiale o peggio ancora prende matto , alla fine il bianco anche giocando 31 a3 nulla poteva dopo la replica a5! In questa partita abbiamo assistito a un attacco che ha provocato una assoluta distruzione e paralisi con zugzwang totale sulla scacchiera, ma non tutte le azioni offensive hanno questa caratteristica, a volte ci sono da effettuare manovre strategiche eleganti e sottili meno cruente, conclude siti internet Valtopina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...