Utilizzo di variabili di variabili in PHP, ovvero come battere Torre con un sacrificio posizionale di cavallo!

web design umbriaAlla mossa 23 Eugenio Torre che ha il nero e che sta giocando il torneo di Tilbrug (correva l’anno 1982) mette una torre in c4 attaccando un pedone centrale del bianco ma Timma che era il bianco aveva già preparato di far esplodere il centro avversario con un sacrificio di cavallo, partita segnalata da web design Umbria all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1041509 ; seguendo la partita l’occhio nattento dell’ agonista noterà un particolare inquietante: tutti pezzi neri sono ammassati sull’ ala di donna mentre il bianco ha un pericoloso alfiere delle case nere puntato come un missile sull’ arrocco nero e che grazie all’ invenzione del sacrificio può liberare tutto il suo potenziale. Non bisogna mai dare per scontato nulla, serve sempre una certa tensione perché appena senti di essere al sicuro di fatto arrivano brutte sorprese! Ora traslando a PHP diamo un occhiata all’ utilizzo diu variabili di variabili. PHP consente di utilizzare nomi di variabili dionamici, chiamati “variabili di variabili”. E’ possibile assegnare a una variabile un nome memorizzato in un’ altra variabile. In altre parole una variabile contiene il valore di un’ altra variabile! Fantascienza? No solo una caratteristica potente del linguaggio, chiarisce web design Umbria! Ma bando alle ciance e alla fuffa e andiamo subito al sodo! Esempio del formato da mettere in pratica:

$nomeDellaVariabile = “age”;
$$nomeDellaVariabile = 21;

web design umbriaLa seconda dichiarazione ha due simboli di dollaro $$ davanti al nome di variabile e crea una nuova variabile con il nome uguale al valore in $nomeDellaVariabile. Il risultato delle due dichiarazioni di assegnazione é una variabile dal nome $age contenente il valore 21. Se si utilizza una variabile di variabile in una dichiarazione echo é necessario specificare chiaramente il nome di variabile. E’ possibile utilizzare una delle sintassi indicate di seguito: echo $$nomeDellaVariabile; oppure echo “$($nomeDellaVariabile)”; se avessi scritto qualcosa di seguito come: $nomeDellaVariabile = “age”; $age = 21; echo “$$nomeDellaVariabile”;  avrei mostrato a video un errore in quanto la dichiarazione echo legge $nomeDellaVariabile come nome di variabile e legge il primo $ come carattere di testo. Di conseguenza l’output é $age, non 21. A questo punto web design Umbria suggerisce di fare una bella esercitazione per rendersi conto del potenziale della tecnica presentata. Creare quindi due o più variabili contenenti valori sempre tra i famosi tag <?php ?>: $Texas=”large”;$RhodeIsland=”small”; creare ora una variabile contenente il nome di variabile di una delle variabili create precedentemente: $statename=”Texas”; aggiungere ora una dichiarazione echo per visualizzare la variabile di variabile: echo “statename is $($statename)<br>”;  creare ora una variabile contenente un nome di variabile diverso: $statename= “RhodeIsland”; e di nuovo la stampa: echo “$statename is $($statename)<br>”; infine visualizzare i nostri deliri letterari in un browser! Per concludere, coerenti con le strategie digitali di Umbriaway Consulting, segnaliamo un sacrificio questa volta di pedone giocato da Adorjan contro Hulak all’ interzonale di Toluca nel 1982 dove il bianco non si mette a contare i valori nominali delle vittime a bordo scacchiera pur di avere una posizione armonica, spaziosa, dinamica che garantisca una iniziativa vincente partita da segnalata da seo Umbria all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1016106. Anche se qui il bianco non ha sacrificato niente di pesante come nella partita precedente notiamo come la spinta fatta del nero g5 abbia finito per indebolire l’intera ala di re e l’arrocco e notiamo come il bianco si preoccupi solo di dare aria ai suoi pezzi con la mossa da ariete 20 e5! e molto bella artisticamente la conclusione con una spettacolare Donna in g7 da cineteca da far vedere agli aspiranti allenatori di Coverciano!

Annunci