Ma il GM Suba degli anni ottanta era un pollo pazzesco?!

Problemi con il vantaggio di sviluppo nel senso che non riesci a sfruttare quei tempi in più che hai guadagnato per trasformare tutto in facile vittoria e in miniatura da copertina tipo Novella 2000? Guardare questa partita allora é un balsamo benefico, qui alle olimpiadi di Thessaloniki del 1984 il nero che é Portish offre doni ellenici per attirare il bianco (Suba) in una trappola mortale http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1114040 da qui il titolo: ma come ha fatto il bianco a vedere che collassava rapidamente dopo aver girovagato con la regina per tutta l’apertura? C’era una sorta di codice d’onore che ti obbligava ad accettare qualsiasi sacrificio finché non subivi una mazzata decisiva del tipo 20 … Td1 che probabilmente vedrebbero in molti ma che a Suba frastornato non gli é nemmeno saltata per la testa? E’ possibile che il GM Suba degli anni ottanta era un tizio che se magnava tutto perché era come San Tommaso, come per dire all’ avversario vabbè se adesso non cloncludi nulla adesso hai perso il finale. Peccato che spesso nelle partite citate l’avversario aveva con la sua posizione vincente l’ultima parola e replicava tra le righe a tono: “vabbè non sei arrivato alla ventunesima mossa caro bianco!”. Certo che Suba pur essendo un fortissimo giocatore di pigne altisonanti ne prendeva a bizzeffe tipo questa a cui ebbi il privilegio di assistere in diretta: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1133965 dove dall’ inizio alla fine quel pazzo di uno slavo inizia a far precipitare chicchi di grandine sul collo della sua vittima sacrificale. Sempre citando questa famosa partita di Pinerolo del 1987 ricordo che nel dopo analisi ogni volta che Suba provava a replicare a qualche mossa aggressiva del bianco andando a mangiare materiale che sembrava gratuito, Velimirovic replicava bombardando le retrovie nemiche con veloci scacchi matti! Una giornata storta può capitare a tutti, ci sta e poi ricordiamo che Suba quei tempi piallava a manetta tutta una serie di personaggi dell’ agone scacchistico senza tante remore reverenziali, quello che fa veramente scalpore é tentare di rispondere alla domanda: ma come fai a prenderti delle pigne così … mitologiche?! 20…Td1 giocata da Portish alla cieca l’avevi completamente dimenticata? Guarda che ti retrocediamo a 3naz eh?! A onor del merito ricordiamo che Mihai Suba ha avuto un grande ruolo negli scacchi moderni, consultare https://en.wikipedia.org/wiki/Mihai_Suba e che molte delle combinazioni da lui subite venivano regolarmente riconsegnate ad altri fortunati agonisti, per esempio all’ indirizzo http://www.chessgames.com/player/mihai_suba.html ci troviamo numerose perle da lui messe in piedi nella sezione NOTABLE GAMES senza tanti grandi fuochi di artificio ma con tecnica sopraffina precisa e accurata, evidenzia Umbriaway Consulting.

Annunci

Ma é vero che il GM Matanovic non era granché come agonista?

agenzia web marketingMa basta con le fake news che la gente ci crede anche, Matanovic piallava gente del calibro di Tal tanto per fare un esempio e demolire il titolo provocatorio di agenzia web marketing! Per introdurre javascript abbiamo scomodato il GM Petrosjan all’ indirizzo:  https://umbriawayfidelizza.wordpress.com/2017/12/23/petrosjan-non-sapeva-difendersi-forse-sei-in-uno-stato-alterato-di-coscienza-e-comunque-senza-lo-studio-dei-classici-non-ti-serve-a-niente-giocare-lampo-20-ore-al-giorno-su-internet-per-diventare-il/ invece per parlare di variabili abbiamo scomodato Efim Geller all’ indirizzo: https://umbriawayfocus.wordpress.com/2017/12/23/colpi-tattici-da-paura-studia-le-mosse-rocambolesche-partorite-da-quel-pazzo-di-geller/ invece per parlare dei tipi di dati e le loro caratteristiche javascript abbiamo scomodato Nigel Short all’ indirizzo https://umbriawayformazione.wordpress.com/2017/12/24/difesa-pirc-quando-invita-qualcuno-alla-demolizione-dellimpianto-impugnando-una-pistola-il-nome-dell-agonista-che-ha-il-bianco-che-ha-il-fucile-entra-nella-leggenda/ per parlare delle istruzioni condizionali abbiamo scomodato il GM Dreev all’ indirizzo https://umbriawaynoir.wordpress.com/2017/12/25/buon-natale-da-alexey-dreev-best-games/ mentre Tony Miles lo abbiamo scomodato all’ indirizzo https://umbriawayvendita.wordpress.com/2017/12/26/tony-miles-best-games-e-i-mostri-dai-mille-occhi/ per parlare di FUNZIONI in JavaScript. A Gualdo Tadino ci siamo andati per valorizzare il GM Sokolov e per parlare di oggetti indirizzo https://umbriawayvalorizza.wordpress.com/2017/12/26/e-andrei-sokolov-che-fa/ mentre a Nocera Umbra ci siamo andati per valorizzare il GM Vaganian e per parlare di array in JS indirizzo https://umbriawaytarget.wordpress.com/2017/12/27/e-vaganian-che-fa-la-sa-giocare-la-francese-chiedetelo-a-reshevsky/ e infine abbiamo affrontato il gioco di Ljubojevic e il DOM all’ indirizzo https://umbriawaysemplifica.wordpress.com/2017/12/27/e-ljubojevic-che-fa-qualche-combinazione-lha-giocata-in-carriera-risponde-agenzia-web-marketing/. Adesso non ci resta che affrontare con agenzia web marketing il discorso sugli eventi parlando prima di un campione minore come Matanovic grande patron del vecchio caro informatore scacchistico, il cui fascino risiedeva proprio nel suo aromatizzato formato cartaceo. Indirizzo https://it.wikipedia.org/wiki/Aleksandar_Matanovi%C4%87 ecco come ci viene presentato da wikipedia il suo profilo: Aleksandar Matanovic (Belgrado, 23 maggio 1930) è uno scacchista serbo, fino al 1992 jugoslavo, Grande maestro. Campione jugoslavo dei giovani nel 1948, nel 1955 ottenne il titolo di Grande Maestro. Dopo essere stato 2° nel campionato jugoslavo nel 1951, 1956, 1959, lo vinse nel 1962, nel 1969 e nel 1978. Ha partecipato a diversi tornei zonali e interzonali, occupando in questi ultimi posizioni di media classifica. Matanovic ha partecipato dal 1954 al 1972 a 11 Olimpiadi per la Jugoslavia, ottenendo 13 medaglie: 4 individuali (una d’oro in 4a scacchiera a Siegen 1970, due d’argento e una di bronzo) e 9 di squadra (5 d’argento e 4 di bronzo). Ha giocato 146 partite col risultato complessivo di + 61 = 73 – 12 (66,8 %). Nei tornei è stato 1° ad Abbazia nel 1953, 2° a Belgrado nel 1954, 1° ad Amburgo e 2°-3° a Zagabria nel 1955; 1° a Beverwijk nel 1957; nel 1961 è stato 2°-5° a Mar del Plata, 2°-4° a Santa Fe, 1°-2° a Buenos Aires, 1° a Zevenaar; nel 1964 2° a Gerusalemme; nel 1965 2°-4° a Netanya. Dal 1966 è il principale editore dell’Informatore Scacchistico, rivista semestrale di grande diffusione e molto popolare tra gli scacchisti di tutto il mondo. Con la collaborazione di molti grandi maestri ha pubblicato anche una fondamentale enciclopedia delle aperture in cinque volumi. Le partite di questo campione le possiamo ammirare all’ indirizzo: http://www.chessgames.com/perl/chessplayer?pid=21135 dove assistiamo a un bel matto davvero spettacolare contro Buisguer nel 1961 http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1028405 per esempio. Oppure una bella vittoria posizionale si fa per dire contro Tal http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1139400. A questo punto non ci resta che serrare le file rientrando nei ranghi di javascript per vedere come gestisce gli eventi. Ora che sappiamo come selezionare e modificare gli elementi DOM, possiamo creare una semplice animazione. Creiamo una semplice pagina HTML con un elemento casella che verrà animato utilizzando JS, suggerisce agenzia web marketing.

<style>
#container {
width: 200px;
height: 200px;
background: green;
position: relative;
}
#box {
width: 50px;
height: 50px;
background: red;
position: absolute;
}
</style>

</div>

Il nostro elemento box è all’interno di un elemento contenitore. Nota l’attributo position usato per gli elementi: il contenitore è relativo e la casella è assoluta. Questo ci permetterà di creare l’animazione relativa al contenitore. Animeremo la casella rossa per spostarla sul lato destro del contenitore. Devi avere familiarità con i CSS per capire meglio il codice fornito. Per creare un’animazione, abbiamo bisogno di cambiare le proprietà di un elemento a piccoli intervalli di tempo. Possiamo ottenere questo risultato utilizzando il metodo setInterval (), puntualizza agenzia web marketing, che ci consente di creare un timer e chiamare una funzione per modificare le proprietà ripetutamente a intervalli definiti (in millisecondi). Per esempio:

var t = setInterval(move, 500);

Questo codice crea un timer che chiama una funzione move () ogni 500 millisecondi. Ora dobbiamo definire la funzione move (), che cambia la posizione della casella.

// starting position
var pos = 0;
//our box element
var box = document.getElementById(“box”);

function move() {
pos += 1;
box.style.left = pos+”px”; //px = pixels
}

La funzione move () incrementa la proprietà left dell’elemento box di uno ogni volta che viene richiamata. Il seguente codice definisce un timer che chiama la funzione move () ogni 10 millisecondi:

var t = setInterval(move, 10);

Tuttavia, questo rende la nostra casella spostarsi a destra per sempre. Per interrompere l’animazione quando la casella raggiunge la fine del contenitore, aggiungiamo un semplice controllo alla funzione move () e usiamo il metodo clearInterval () per fermare il timer.

function move() {
if(pos >= 150) {
clearInterval(t);
}
else {
pos += 1;
box.style.left = pos+”px”;
}
}

Quando l’attributo di sinistra della casella raggiunge il valore di 150, la casella raggiunge la fine del contenitore, in base a una larghezza del contenitore di 200 e una larghezza del riquadro di 50.
Il codice finale:

var pos = 0;
//our box element
var box = document.getElementById(“box”);
var t = setInterval(move, 10);

function move() {
if(pos >= 150) {
clearInterval(t);
}
else {
pos += 1;
box.style.left = pos+”px”;
}
}

Congratulazioni, hai appena creato la tua prima animazione JavaScript! È possibile scrivere codice JavaScript che viene eseguito quando si verifica un evento, ad esempio quando un utente fa clic su un elemento HTML, sposta il mouse o invia un modulo. Quando si verifica un evento su un elemento di destinazione, viene eseguita una funzione di gestore. Gli eventi corrispondenti possono essere aggiunti agli elementi HTML come attributi. Ad esempio: <p onclick = “someFunc ()”> del testo </ p>. Mostriamo un popup di avviso quando l’utente fa clic su un pulsante specificato:

<button onclick=”show()”>Click Me</button>

function show() {
alert(“Hi there”);
}

I gestori di eventi possono essere assegnati agli elementi. Per esempio:

var x = document.getElementById(“demo”);
x.onclick = function () {
document.body.innerHTML = Date();
}

Gli eventi onload e onunload vengono attivati ??quando l’utente entra o esce dalla pagina. Questi possono essere utili quando si eseguono azioni dopo che la pagina è stata caricata.

<body onload=”doSomething()”>

Similarly, the window.onload event can be used to run code after the whole page is loaded.

window.onload = function() {
//some code
}

L’evento onchange è principalmente utilizzato su caselle di testo. Il gestore eventi viene chiamato quando il testo all’interno della casella di testo cambia e il focus viene perso dall’elemento. Per esempio:

<input type=”text” id=”name” onchange=”change()”>

function change() {
var x = document.getElementById(“name”);
x.value= x.value.toUpperCase();
}

Il metodo addEventListener () allega un gestore di eventi a un elemento senza sovrascrivere i gestori di eventi esistenti. È possibile aggiungere molti gestori di eventi a un elemento.
È anche possibile aggiungere molti gestori di eventi dello stesso tipo a un elemento, ad esempio due eventi di “clic”.

element.addEventListener(event, function, useCapture);

Il primo parametro è il tipo di evento (come “click” o “mousedown”).
Il secondo parametro è la funzione che vogliamo chiamare quando si verifica l’evento.
Il terzo parametro è un valore booleano che specifica se utilizzare il bubbling o la cattura di eventi.

Questo parametro è facoltativo e verrà descritto nella prossima lezione.
Nota che non usi il prefisso “on” per questo evento; usa “click” invece di “onclick”.

element.addEventListener(“click”, myFunction);
element.addEventListener(“mouseover”, myFunction);

function myFunction() {
alert(“Hello World!”);
}

Ciò aggiunge due listener di eventi all’elemento. Possiamo rimuovere uno degli ascoltatori:

element.removeEventListener(“mouseover”, myFunction);

Creiamo un gestore di eventi che si rimuove da solo dopo essere stato eseguito:

<button id=”demo”>Start</button>


var btn = document.getElementById(“demo”);
btn.addEventListener(“click”, myFunction);

function myFunction() {
alert(Math.random());
btn.removeEventListener(“click”, myFunction);
}

Dopo aver fatto clic sul pulsante, viene visualizzato un avviso con un numero casuale e il listener di eventi viene rimosso. Internet Explorer versione 8 e versioni precedenti non supportano i metodi addEventListener () e removeEventListener (). Tuttavia, è possibile utilizzare il metodo document.attachEvent () per collegare gestori di eventi in Internet Explorer. Esistono due modi di propagazione degli eventi nel DOM HTML: bubbling e capture. La propagazione degli eventi consente la definizione dell’ordine degli elementi quando si verifica un evento. Se si dispone di un elemento <p> all’interno di un elemento

e l’utente fa clic sull’elemento

, l’evento di “clic” dell’elemento deve essere gestito per primo? Nel bubbling, l’evento dell’elemento più interno viene gestito per primo e quindi viene gestito l’evento dell’elemento esterno. L’evento click dell’elemento

viene gestito per primo, seguito dall’evento click dell’elemento

. Nel catturare, l’evento dell’elemento più esterno viene gestito prima e poi l’interno. L’evento click dell’elemento

viene gestito per primo, seguito dall’evento click dell’elemento

. Il metodo addEventListener () consente di specificare il tipo di propagazione con il parametro “useCapture”.

addEventListener(event, function, useCapture)

Il valore predefinito è falso, il che significa che viene utilizzata la propagazione di bubbling; quando il valore è impostato su true, l’evento utilizza la propagazione acquisita.

//Capturing propagation
elem1.addEventListener(“click”, myFunction, true);

//Bubbling propagation
elem2.addEventListener(“click”, myFunction, false);

Ciò è particolarmente utile quando si ha lo stesso evento gestito per più elementi nella gerarchia DOM. Ora possiamo creare un progetto di slider di immagini campione. Le immagini verranno modificate utilizzando i pulsanti “Avanti” e “Indietro”. Ora, creiamo il nostro codice HTML, che include un’immagine e i due pulsanti di navigazione:


Prev

width=”200px” height=”100px”/>
Next

Successivamente, definiamo le nostre immagini di esempio in un array:

var images = [
http://www.farwebdesign.com/uploads/slider/1.jpg&#8221;,
http://www.farwebdesign.com/uploads/slider/2.jpg&#8221;,
http://www.farwebdesign.com/uploads/slider/3.jpg&#8221;
];

Utilizzeremo tre immagini di esempio che abbiamo caricato sul nostro server. Puoi usare qualsiasi numero di immagini. Ora dobbiamo gestire i clic sul pulsante Avanti e Indietro e chiamare le funzioni corrispondenti per cambiare l’immagine.


Prev

width=”200px” height=”100px”/>
Next

JS:
var images = [
http://www.sololearn.com/uploads/slider/1.jpg&#8221;,
http://www.sololearn.com/uploads/slider/2.jpg&#8221;,
http://www.sololearn.com/uploads/slider/3.jpg&#8221;
];
var num = 0;

function next() {
var slider = document.getElementById(“slider”);
num++;
if(num >= images.length) {
num = 0;
}
slider.src = images[num];
}

function prev() {
var slider = document.getElementById(“slider”);
num–;
if(num < 0) {
num = images.length-1;
}
slider.src = images[num];
}

La variabile num mantiene l’immagine corrente. I clic sui pulsanti successivo e precedente vengono gestiti dalle funzioni corrispondenti, che modificano la sorgente dell’immagine con l’immagine successiva / precedente nell’array. Abbiamo creato un dispositivo di scorrimento delle immagini funzionante! HTML5 aggiunge alcuni attributi che consentono la convalida del modulo. Ad esempio, l’attributo richiede può essere aggiunto a un campo di input per renderlo obbligatorio da compilare.
La convalida della forma più complessa può essere eseguita utilizzando JavaScript. L’elemento form ha un evento onsubmit che può essere gestito per eseguire la convalida. Ad esempio, creiamo un modulo con due input e un pulsante. Il testo in entrambi i campi dovrebbe essere lo stesso e non vuoto per passare la convalida.

<form onsubmit=”return validate()” method=”post”>
Number: <input type=”text” name=”num1″ id=”num1″ />
<br />
Repeat: <input type=”text” name=”num2″ id=”num2″ />
<br />
<input type=”submit” value=”Submit” />
</form>

Ora dobbiamo definire la funzione validate ():

function validate() {
var n1 = document.getElementById(“num1”);
var n2 = document.getElementById(“num2”);
if(n1.value != “” && n2.value != “”) {
if(n1.value == n2.value) {
return true;
}
}
alert(“The values should be equal and not blank”);
return false;
}

Restituiamo true solo quando i valori non sono vuoti e sono uguali. Il modulo non verrà inviato se il suo evento onsubmit restituisce false.

Le preposizioni inglesi, goia e delizia dei peccatori grammaticali e le mosse impossibili tipo 13 Tf7!!

agenzia web marketingPer quanto riguarda gli scacchi con agenzia web marketing vediamo la Sergey Smagin vs Sergej Salov “Opening a Kan of Worms” Halle (1984), Sicilian Defense: Kan. Modern Variation (B42) 1-0 indirizzo internet http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1120348. Alla mossa 13 salta fuori una mossa simile a un meteorite di grandi dimensioni che colpisce la terra, torre da f1 a casa f7 che diventa preludio per una demolizione sistematica di tutti i pedoni neri che difendono l’arrocco nemico, una posizione da far vedere ai corsi di allenamento tattico alle nuove generazioni. Del resto a guardare la posizione prima del salto della torre verrebbe da dire ma dove stanno i pezzi neri a difendere, semplicemente non ci sono. Certo ai tempi queste mosse venivano accolte con stupefacente e religiosa ammirazione, anche perché la mentalità imperante dell’ agonista dell’epoca prevedeva che il materiale veniva prima delle valutazioni ultradinamiche. E ora passiamo con agenzia web marketing a saltare nei quanti della lingua inglese. Innanzitutto che cosa é una preposizione. Ma ce l’hai Internet e wikipedia? Ce l’hai un motore di ricerca per cercare le risposte che non sono dentro di te, ma sulla parabola in download che ci hai sul tetto? Una definizione accademica estrapolata dalla rete é la seguente: la preposizione (dal latino “praeponere” = porre davanti) , in grammatica, è una parte invariabile del discorso che serve a creare un legame fra parole e frasi, specificando un rapporto reciproco e la funzione sintattica della parola, locuzione o frase che la segue.Quando uniscono due parole all’interno di una medesima proposizione, le preposizioni servono a introdurre i complementi (tranne il complemento oggetto e, talora, alcuni altri): esempio: abbiamo pensato a lungo alle tue parole; quando invece collegano due frasi, esse introducono delle proposizioni subordinate: esempio: bisogna prendere il traghetto per arrivare su quell’isola. Ora la questione di TO e FOR. E in Inghilterra come butta per queste preposizioni? All’ indirizzo http://www.oilproject.org/lezione/grammatica-sintassi-inglese-to-for-differenze-10297.html troviamo il seguente materiale didattico per esempio: la regola generale è… che non c’è una regola generale; e questo vale per tutte le preposizioni. 1) Se si vuole indicare un motivo per fare qualcosa, possono usarsi indifferentemente: “I went to the store to buy milk/for milk” (in questo caso però to è integrata nell’infinito). 2) Se si vuole indicare un destinatario, l’uso dipende dal verbo da cui to o for dipendono: “He gave this to her” oppure “This is for her”. 3) Se si vuole indicare un’intenzione, l’uso di to o for dipende invece dall’oggetto dell’intenzione: se l’enfasi è su un’azione, si usa to: “Ask John to send me the file”; se l’enfasi è sull’aspettativa, si usa for: “Ask John for the file”. Al link http://www.linkiesta.it/it/article/2015/09/19/la-pillola-dinglese-come-capire-quando-usare-in-on-o-at/27458/ troviamo queste risorse sulle PREPOSIZIONI “IN”, “ON”, “AT”. “People in Ireland are great…” / “I still remember buying a red coat on my birthday… ” / “I would start work at 9… ”. Le preposizioni “in”, “on” e “at” sono le principali preposizioni di tempo e di luogo in inglese. AT (luogo) indica un punto fisso, il punto preciso in cui si trovano una persona o un oggetto, ad esempio “He is at the park” (Lui è al parco); AT (tempo) si usa inoltre per dare un’indicazione di tempo precisa, ad esempio, “I would start work at 9” (Iniziavo a lavorare alle 9); ON (luogo) si usa quando si vuole dire che qualcosa appoggia su una superficie, ad esempio “The bag is on the floor” (La borsa è sul pavimento); ON (tempo) si usa con i giorni e le date, ad esempio “I still remember buying a red coat on my birthday… ” (Ricordo ancora di aver comprato un cappotto rosso al mio compleanno); IN (luogo) indica l’essere inserito o il trovarsi in uno spazio chiuso, ed esempio “People in Ireland are great…” (Le persone in Irlanda sono fantastiche); IN (tempo) si usa con i mesi, gli anni, i secoli o i lunghi periodi di tempo, in generale ogni volta che non si possono usare “at” o “on”, allora si una “in”, ad esempio, “I was born in 1981” (Sono nato nel 1981).