Che lavoro fa il seo specialist? Lo sa riconoscere un cloacking si domanda web design Umbria

Seo, sem, brand, traffico ma l’universo marketing on-line perché é così caotico si chiede web design Umbria? Si può districare la matassa? Chi é il seo specialist che cosa fa come si accoppia, vive nella tundra chiediamo a Piero Angela quale é il suo habitat naturale? Chi é il SEM perché esiste? Perché viene retribuito con 10 mila euro al mese (bé non sempre) che competenze ha, quale é il suo ruolo e come si impone nel mosaico generale si interroga web design Umbria. Ma partiamo per gradi senza traumi. Sei stato bravo hai creato un bellissimo portale che parla di stelle, farfalle, cigni o di Orsi in via di estinzione ma ora come facciamo a convogliare il traffico sul nostro dominio e convertire i visitatori in moneta sonante? C’è un sistema? Alla fine parliamo di generazione di nuovi clienti, che cosa vuole in fondo il negoziante del mondo reale quando il cliente fa suonare le ante del suo negozio se non concretizzare il tutto con la vendita? La figura deo SEO specialist é decisamente affascinante, sottolinea web design Umbria, ma ha anche insidie e pericoli. Intanto ha un arco di conpetenze molto vasto che spaziano da sem, monitoraggio con strumenti statistici (tipo Google Analytics), competenze tecniche da webmaster e conoscenza tools specifici, capacità di operare con appropriate parole chiave e qui siamo nel campo di ad words, insomma tutto un complesso labirinto di mondi e di possibilità che rischiano però di essere vane e fumose se non si lavora molto sulla propia brand reputation, tanto per stare in tema. Una miriade di tecniche e segreti sono al cospetto del famigerato seo specialist che eviterà ad esempio di incappare negli errori degli anni ottanta quando un gruppo di assatanati ambiziosi seo specialist in erba tentava di ingannare lo stupido Google con quelle tecniche denominate Hidden Keywords text e Keywords stuffing. Oggi i motori si sono evoluti e sono sempre più umani e si accorgono subito quando qualcuno cerca di ingannarli. Ogni nuovo algoritmo miete migliaia di maleintenzionati che cercano come negli anni ottanta di gabbare il motore leader. Certo che inserire una miriade di parole nascoste con lo stesso colore di sfondo della pagina é proprio una furbata tipica degli anni ottanta, ma oggi gli spider vedono queste nefandezze e ti mettono nella condizione di saltare da un burrone con le meritate e famose penalizzazioni. L’idea di aumentare il volume di queste keywords per segnalare una preminenza leader rispetto ad altri competitors é davvero romantica. Anche con il Keywords stuffing bisogna fare particolare attenzione dal momento che una percentuale troppo alta all’ interno della pagina creerebbe delle situazioni estremamente a rischio per l’intenzionalità di chi opera e di chi deve decodificare il testo quindi lo spider. Anche qui i motori di ricerca attuali ci vanno a nozze e non c’era bisogno di web design Umbria per sottolinearlo. Un altro colpo de genio fu quello del pixeling, ossia quella metodologia che consiste nell’inserire immagini di un pixel con decine e decine quindi di attributi ALT da ottimizzare come testo. In questo modo lo spider degli anni ottanta e novanta era indotto a credere che tutte quelle immagini sono magnificamente ottimizzate ma ovviamente non é così. E del cloacking ne vogliamo parlare? Sei un utente o uno spider chiede web design Umbria? Un IF ELSE avvincente in ultima analisi quindi visto che la versione B per lo spider sarà ottimizzata a uso e consumo dello spider alla faccia della moderna usabilità e delle tematiche user friendly di navigabilità responsive. Anche su questo tema del ridirezionamento gli spider hanno fatto enormi passi in avanti e c’è da dire che chi utilizza una tale tecnica oggi non va incontro a delle penalizzazioni ma ad atroci e immediati e cruenti BAN che lasciano il segno, per cui anche qui il suggerimento di web design Umbria é quello di evitare simili espedienti tamarreschi che lasciano il tempo che trovano. Certamente di pe sè questa tecnica ha anche dei vantaggi, pensiamo ad esempio alla categoria non vedenti, dove un ridirezionamento avrebbe un senso di esistere svincolato dal tema forzato del posizionamento delle key. Tutto qui, abbiamo finito con un veloce accenno alle penalizzazioni? Il professionista seo sa bene che anche sul tema dei contenuti duplicati ci sono molte situazioni a rischio da evidenziare. Oltre a costituire una questione di illegalità a causa delle infrazioni sul copywriter, si va ovviamente incontro a delle penalizzazioni. I contenuti originali e belli edulcorati ma di sostanza al contrario sono ben voluti, soprattutto se hanno una originalità vera e una forza espressiva propria. Tra l’altro c’è un vasto parco tools a disposizione per capire se un contenuto é duplicato o meno, quindi sarebbe un errore da dilettanti, conclude web design Umbria, dal momento che il nostro obiettivo é quello di andare a finire sulle prime due pagine di Google.

Annunci

Ma come si fa a costruire un e-commerce? Ci voglio vendere i libri di scacchi di mio nonno che era stato campione dell’ adriatico nel 1922

E vabbè allora procuriamoci un template di base perché bisogna lavorarci sopra puoi usare bootstrap ad esempio come framework. All’ indirizzo http://www.farwebdesign.com/onlinestore/ web design Umbria segnala il nostro tentativo di online store. La prima cosa da fare é modificarlo in base alle nostre esigenze, fare in modo che corrisponda alle nostre aspettative come funzionalità e a quelle del cliente senza alterare le meccaniche di base user-friendly. Si ma gli scacchi? Di solito questi tutorial sono sempre inficiati o disturbati da qualche notizia all’ ultimo grido tipo ma avete visto lo studio di Reti del 1921 all’ indirizzo http://www.farwebdesign.com/chessproject/details.php?pos_id=14 dove il bianco deve dare un colpo al cerchio e uno alla botte? Il pedone nero sembra come la barchetta della famosa cantante come lo si ferma se non sfruttando le potenzialità del proprio pedone bianco? Il Bianco muove e patta. Dal punto di vista didattico siamo di fronte a dei meccanismi elementari ma la pratica agonistica fa fare brutti scherzi a volte, qui la soluzione é semplice: 1.Rg7! h4 (1…Rb6 2.Rf6! h4 3.Re5!) 2.Rf6! Rb6 (se 2…h3, 3.Re6 h2 4.c7 Rb7 5.Rd7) 3.Re5! Ora se 3…Rxc6 il Re Bianco si porta in f4 e ferma il pedone, mentre se 3…h3 4.Rd6. Ma non tergiversiamo e torniamo a bootstrap, le classi del framework le conosci? Ad esempio per vedere i tre riquadri nella pagina che larghezza ho messo come colonne e come viene definito il parametro? Ogni oggetto da vendere nello store ha questa dimensione: prima si imposta un div class= container

, poi si imposta la riga con

poi finalmente viene definita la larghezza, lo spazio occupato dall’ elemento con

dove la classe qui ha una bella sostanza in quanto parliamo di una griglia orizzontale composta da dodici colonne e il tre si somma agli altri due elementi e poi inserisco un oggetto panel finale con

. Ma web designer Umbria lavora in coppia con il programmatore a meno che l’azienda sia centrata sul famoso faccio tutto io per cui deve pensare a semplificare la vita allo sviluppatore. Da notare come sia intanto riuscito ad implementare una lista ordinata contrassegnata dalla classe tematica

    che forma una gabbia a tutti gli elementi UL ed LI racchiusi mentre il compito di spostare tutta la lista a sinistra viene assegnata a una proprieta del foglio stile che é

    float:left;margin-left:50px;margin-right:200px”;> per l’appunto float: left;. Ora un buon web designer non lascia questi settaggi in giro per la pagina ma affianca in un foglio stile esterno tutte le regole che servono per sovrascrivere il css di default. Ora i CSS si chiamano fogli di stile a cascata perché se esistono due regole che parlano dello stesso div viene presa in considerazione l’ultima appunto in cascata per cui ci sarà un link esterno che punta dopo al css di fabbrica al nostro style che servirà a personalizzare. va bene ma adesso che hai una impostazione di base che devi fare? Devi spezzare il codice nelle sue parti costituenti ad esempio HEADER, NAV, CONTENT, ASIDE, FOOTER etc e tutto quello che nella pagina crea ridondanza per il programmatore e semplificare tutto con degli include di php ad esempio se voglio spezzare il codice in porzioni di codice più piccole e in particolare il footer scriverò nella pagina principale, evidenzia web design Umbria, e farò lo stesso come marcatura nello spazio della pagina per tutti gli altri elementi. Un altra questione da sottolineare per la responsività dei siti web é quella di settare il tag meta come si deve: dove l’initial-scale-1 é un parmatero molto importante e ricordarsi di catturare tutto quello che serve per la costruzione della nostra web app con i CDN giusti affidabili per catturare Jquery, bootstrap js e css quindi qualcosa del tipo:

    https://ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/3.2.1/jquery.min.js
    https://maxcdn.bootstrapcdn.com/bootstrap/3.3.7/js/bootstrap.min.js

    Di solito la tecnica migliore come web design Umbria prevede che alcuni di questi link finiscano sotto il body in modo da velocizzare prima il caricamento della pgina principale e solo dopo preoccuparsi di agganciare le risorse esterne per lo sviluppo della nostra applicazione. Web design Umbria infine fa notare che il famoso componente PANNELLO in bootstrap si può dividere esattamente a sua volta con l’uso delle classi in varie sezioni come header content e footer:

    TITOLO
    Image

    Quindi adesso la fase due prevede per il lavoro di web design Umbria che si crei la struttura file system giusta come cartelle e codice esterno da posizionare per la questione di separare il codice presentazione o il vestito dalla sostanza che dovrà palleggiare lo sviluppatore, quindi css esterni, quindi include e tutto quello che può svuotare la pagina da ogni ridondanza inutile di codice con l’uso appunto degli include. In uno dei prossimi articoli di web design Umbria parleremo di come sia così facile diventare GM negli scacchi con il metodo sette kg in sette giorni ma questa é un’ altra storia, per ora il succo é che dovete tirare su un eccomerce dal nulla e che dovete familiarizzare con bootstrap, ajax, php e mysql e html5 e css3 come se non ci fosse un domani!

Ganna gioca con Portish e cambia la password di MySql: trova le sgrammaticature del titolo e vinci un viaggio a Fano con web developer Umbria

Ma ce l’abiamo qualche indizio ripo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1113701 mica siamo dietro a una scrivania a impersonare il detective Ganna eh?! De che stemo a parlà? della Tal Portish giocata a Biel nel 1976 dove il nero misteriosamente abbandona? A si perché se giocava 37..Tg8 sarebbe piovuta dal cielo Dg6!! secondo i report dell’ epoca, sottolinea web developer Umbria. Ma 38..Db7+ idea hg6 dove porta…il ventaglio di possibilità si avvicina al bianco e nero del detective Ganna roba da far rabbrividire anche Oracle che detiene il monopolio sul database più famoso di tutti i tempi MySql. Quindi mi state dicendo che il nero praticamente si salvava in tutto le varianti anche nella linea dove il B sembra costretto a mettere la donna in e4…calma calma nell’ episodio sotto il segno dell’ Acquario Ganna ripulisce le ache torbide dei Navigli con la mossa 38 Td8!! al posto di 38 Dg6 che senbrerebbe un orrida cappella. Si ma i database, chiede web developer Umbria perché fai tutta questa confusione con la bionda che commissiona il caso di un uomo scomparso a Ganna con gli abbandoni prematuri di Portish e gli storage engine che un professionista deve conoswcere? C’è della brace sotto la cenere ma andiamo per ordine, se qualcuno si é così tanto dato da fare per mettere in piedi un database free che si chiama MariaDB un motivo ci sarà. Ma quante ne sai invece sul suo dinosauro progenitore appunto mysql chiede web developer Umbria mentre in sottofondo serpeggia una musica insidiosa dove Ganna cerca e trova i manigoldi. In fondo a pensarci bene un morto ammazzato si trova sempre quando si analizza una posizione o forse il tizio stava solo dormendo dando l’apparenza della discesa negli inferi? A ben guardare poi la faccia del tipo é irriconoscibile ma saltando di nuovo con web developer Umbria nel mondo parallelo delle investigazioni informatiche possiamo dire che MySql si può installare in tutti i sistemi operativi anche senza LAMP e XAMPP con gestione da riga di comando. Una delle prime cose da fare per questioni di sicurezza sarebbe riempire il database con dei dati protetti da una pwd che non sia vuota come sempre succede quando abbiamo a che fare con neofiti. Di nuovo dopo Td8!! si verifica una sorta di delirio analitico con un nuovo ventaglio di possibilità ma adesso uno scacco in d5 non farebbe più paura perché la casa f7 é protetta dal pedone e6…quindi sio Portish alla fine di tutto ha fatto bene ad abbandonare anche se non sapeva perché. Ma tutte le analisi di questa partita si potrebbero gestire con MySql? Si dovrebbe visto che la posizione qui immortalata é piena di varianti a destra e a manca, sottolinea web developer Umbria. Interi o stringa? E le date che mettiamo datetime , date o timezone? E la lunghjezza dei campi? E le chiavi primarie in autoincremento? E i capi e i record come vanno gestiti per ottimizzare la potenza di InnoDb piuttosto che di MySAM? Per semplificare la vita al detective potremmeo sciorinare una trafila di argomenti legati ai cosiddetti database relazionali RDBMS che questa pagina diverrebbe un lenzuolo dove invece come al solito le immagini in bianco e nero ma anche a colori potrebbero semplificarci la vita, ecco quindi sintetizzata con una bella gallery finale una serie di temi da approfondire per conoscere sul serio i database…ma anche gli scacchi e il detective dal nome strampalato Ganna. L’importante é riconoscere il tipo di dati senza mettere le caramelle dentro al contenitore dei pomodori, conclude Umbriaway Consulting esausto per la visione stroboscopica di Ganna a che fare con Titty, la strana protagonista dell’ episodio intitolato sotto il segno dell’ acquario ricco di fascino e di mistero con attori poi che riconosciamo qui come acerbi ma destinati a una gloriosa carriera cinematografica. Buonanotte da Ganna, dalle mosse viste o non viste da Portish e dal database MySql oggi un pò contaminato da potenziali monopoli!